Giorni da incubo sulle autostrade: caldo torrido e traffico da bollino nero

Il Tempo 4 days ago

Al via il grande esodo per le due settimane a cavallo di Ferragosto, con l'Italia ancora avvolta nell'afa rotta solo dai temporali al Nord che hanno causato disagi tra Val d'Aosta e Trentino-Alto Adige. Sabato mattina da bollino nero su strade e autostrade per le partenze verso il mare, in particolare sulla A1 Milano-Napoli, la A14 Bologna-Taranto e al sud la A30 Caserta-Salerno. Dalle 8 fino alle 22 è in vigore il divieto di circolazione in autostrada per i mezzi pesanti e in generale i veicoli superiori 7,5 tonnellate in alle 22 (e domani dalle 7 alle 22). 

 

 

Il boom di partenze è confermato da un'analisi di Coldiretti/Ixè che segnala che sono 35 milioni gli italiani che hanno deciso di andare in vacanza per almeno qualche giorno questa estate, in aumento del 4% rispetto allo scorso anno nonostante i rincari e le preoccupazioni per le tensioni internazionali. Il primo weekend di agosto di un'estate mai così secca è segnato ancora da un caldo rovente su gran parte dell'Italia, con temperature fino a 40 gradi in diverse zone della penisola. L'anticiclone africano ha fatto scattare per oggi il bollino rosso, il livello di allerta più alto, in 16 città: Bolzano, Brescia, Campobasso, Firenze, Frosinone, Latina, Milano, Palermo, Perugia, Rieti, Roma, Torino, Trieste, Venezia, Verona e Viterbo. Picchi di 38-40 gradi sono attesi soprattutto su Pianura Padana, Toscana, Umbria e Lazio. Già dalla prossima settimana l'ondata di calore si dovrebbe attenuare, prima al Centro-Nord e da martedì anche al Sud.

 

 

A fare da contraltare all'afa ci sono i temporali che hanno investito una parte dell'arco alpino nella giornata di sabato. La situazione più grave in Trentino Alto Adige dove in alcune zone sono caduti tra i 90 e i 100 millimetri di pioggia in un'ora, causando frane e smottamenti che hanno isolato diverse frazioni e interrotto molte strade. Colpite in particolare la Val di Fassa, dove l'esondazione di alcuni torrenti ha trascinato a valle molti alberi e piante che sono finiti insieme ad una colata di fango in mezzo alle strade. Un centinaio di persone sono state evacuate da albergi e abitazioni ma sono gradualemente rientrate grazie al miglioramento del tempo. La Statale delle Dolomiti è rimasta chiusa per ore. Una violenta colata di fango ha invaso la Valdaora. Danni a case e automobili anche in provincia di Bolzano, a Fleres, Valdaora, San Vigilio, Anterselva, Cengles, Val Badia (dove è stato evacuato un albergo), Val Martello e Brunico. Problemi al confine con il Bellunese, dove una frana di ghiaia ha interrotto la Statale 51 «Alemagna» in località Fiames a Cortina d'Ampezzo. Problemi anche in diverse località della Valle d'Aosta: resterà chiusa per alcuni giorni la strada della Val Ferret che conduce a Courmayeur, ostruita dai detriti per uno smottamento nella serata di venerdì.


Leggi la notizia integrale su: www.iltempo.it

Disclaimer

Il servizio di organizzazione delle news di Occhionews.it si occupa di posizionare geograficamente le notizie e le fonti d’informazione (ufficiali o indipendenti). Il nostro obiettivo è aiutare i lettori a capire con chiarezza e facilità dove “accadono le cose”. Aiutiamo e supportiamo i giornali locali online, blog, pagine e gruppi dei social network e grandi e piccole comunità di cittadini nello scambio delle informazioni, tra loro e con il resto del Mondo. Tutto gratuitamente. ...leggi tutto

Seguici

Lista completa notizie - Privacy - Cookies
© 2022 GeosNews.com